Come fare la Pizza Margherita con Mozzarella di Bufala

7′ di lettura

In un momento in cui si sperimenta molto in cucina, perché non cimentarsi in una bella pizza? Senza ricorrere a consegne a domicilio e ristoranti, è possibile creare un’ottima pizza gourmet anche solo impreziosendo una classica margherita. Quel che serve lo sapete già: pazienza e cura nell’impasto, che va reso sottile e fragrante nel caso di una pizza napoletana, un forno funzionante, acqua, farina, lievito e una buona ricetta ricca di semplicità e fantasia.
Qui troverete una piccola guida sull’annosa questione pizza-margherita di bufala e una semplice ricetta da ricreare in famiglia.

Uno dei modi più sfiziosi per gustare la mozzarella di bufala è sicuramente sulla pizza: perché dunque non combinare le due specialità insieme? Spesso ci si chiede cosa fare con questo prodotto in cucina: in realtà, nonostante il gusto delicato, è molto più facile di quanto si pensi trovare cosa abbinarvi.
Un’opzione gourmet che aggiunge un tocco di sapore in più alla nostra pizza  è per esempio quello di utilizzare la mozzarella di bufala affumicata: su Abbuffa è possibile acquistare e ricevere direttamente a casa l’inimitabile zizzona affumicata di Mondragone, sia nella sua versione classica che in quella light.

Come e quando mettere la Mozzarella di Bufala sulla pizza?

La risposta è semplice: l’ideale sarebbe mettere la mozzarella di bufala un po’ strizzata a metà cottura o aggiungere la mozzarella di bufala sulla pizza appena sfornata, per non alterare la ricchezza del suo siero. Si tratta infatti di un latticino dalla consistenza molto morbida che tende a rilasciare acqua in cottura: manipolarla eccessivamente può farle perdere sapore. Per non perdere nulla del gusto della bufala c’è chi la lascia rassodare in frigorifero per qualche ora, ma sappiamo bene che non è assolutamente indicato metterla in frigo.
Un procedimento alternativo che però richiede grande attenzione e una buona manualità in cucina è invece quello di lasciare intiepidire la mozzarella di bufala ben sgrondata e spezzettata nel microonde a 500 W per 3-4 minuti. Man mano che la temperatura aumenta, il latticino rilascia liquidi: dopo averlo recuperato e strizzato, è possibile ottenere una mozzarella di bufala asciutta e con ancora il suo gusto particolare, da spargere sulla pizza prima della cottura.
Un’opzione più saporita e che elimina dal principio questo problema, come anticipato, sarebbe quella di utilizzare mozzarella di bufala affumicata.
Per non perdere assolutamente nulla del sapore ricco e intenso della mozzarella di bufala, nella nostra ricetta abbiamo però evitato di passarla in forno, così da rispettarne pienamente il gusto e la freschezza.

impasto per pizza con mozzarella di bufala

Ingredienti

  • Farina di tipo 0 11 kg
  • Lievito di birra secco 7 g
  • Acqua 800 ml
  • Sale 15 g
  • Mozzarella di bufala 80 g
  • Pomodori (polpa) 180 g
  • Olio extravergine di oliva
  • Basilico

Come preparare la Pizza Margherita con Mozzarella di Bufala

  1. Partiamo subito con l’impasto: mescolate farina e lievito e incorporate acqua man mano finché il composto non è ben amalgamato. Aggiungete quindi sale e olio e lasciate riposare l’impasto in una ciotola oliata per 15 minuti, a temperatura ambiente, coperto
  2. Prendetelo e allargatelo su un piano leggermente oliato. Dopo averne sollevato due lembi ripiegatelo su sé stesso, quindi giratelo a 90° e ripetete per almeno tre volte, aspettando almeno 15 minuti dopo ogni piegatura
  3. Adesso lasciate riposare nella parte bassa del frigo l’impasto in una ciotola oliata, dove lo avete coperto con pellicola non a contatto. Per quanto tempo è bene lasciare riposare l’impasto? Si va da un minimo di 18 ad un ideale di 48 ore
  4. Possiamo adesso recuperare il nostro impasto: stendetene 350 g su una teglia del diametro di circa 65-70 cm e conditela con la polpa di pomodoro, aggiungendo anche olio, sale e basilico
  5. Infornate la pizza per 18 minuti a 250°
  6. Spargete ora sulla superficie della pizza appena sfornata grossi tocchi di bufala, possibilmente strappati a mano

Siete pronti ora per servire e gustare la vostra appetitosa margherita gourmet: buon appetito!

Post Correlati

Leave a comment